Blog

È PRIMAVERA! Dall’equinozio alla Fioritura di Madre Terra

Accogliere il Sacro in ogni gesto
RITUALI E MEDITAZIONI PER ONORARE IL NUOVO CICLO, CONNETTERSI Al SACRO E STARE BENE

L’arrivo della primavera segna la fine della stagione più buia dell’anno. Mentre l’influenza introspettiva dell’inverno diminuisce, la primavera simboleggia la crescita e la fertilità, portando la ricomparsa di luce, calore, piante, animali, nuove idee e nuove prospettive nel mondo.

Ogni marzo, l’emisfero settentrionale accoglie questa stagione di rinnovamento, equilibrio, pulizia e purificazione.

L’ equinozio di primavera rappresenta uno spostamento simbolico del ciclo dell’anno da notti più lunghe e giorni più corti a ore uguali di giorno e notte. Ma ha anche un significato più profondo riconosciuto nel corso della storia da numerose culture. La scintilla di luce che è nata al solstizio d’inverno ha raggiunto la maturità e, da questo punto in poi, ila Luce Trionfa attraverso un lunghissimo Espiro della Dea che rende tutto visibile, manifesto e luminoso.

La Terra, la Dea, diventa via via più calda e più fertile, baciata dal Dio, ed entra nella piena potenza del suo aspetto di Fanciulla. La promessa di tempi più verdi, più caldi e più abbondanti diventa evidente quando germogli e fiori emergono dagli alberi e dagli arbusti, le api ritornano per iniziare il ciclo di impollinazione e i campi si risvegliano dal loro sonno invernale. È un momento di innocenza e meraviglia, tutto è fresco, nuovo, appena nato.

Il significato spirituale dell’equinozio primaverile

Dagli antichi egizi e romani agli indù in oriente e ai pagani in occidente, per secoli tutte le civiltà hanno onorato l’arrivo della primavera attraverso cerimonie, rituali e festeggiamenti che celebrano il ritorno della luce solare, il risveglio dell’Energia, la redenzione e la rinascita.

Oggi numerosissimi riti celebrano questa ricorrenza, ad esempio in Indi con Holi, la festa dei colori; Purim, una festa ebraica che ricorda la “rinascita” del popolo ebraico; di Ostara tradizione pagana che segna l’arrivo della primavera. La stessa Pasqua cristiana ha gli stessi presupposti.

Quando il giorno e la notte sono di uguale lunghezza, possiamo sperimentare una potente vibrazione di armonia tra il tempo della creazione (notte) e il tempo della manifestazione (giorno).

Riconoscere l’importanza di allinearsi e connettersi ai CICLI Naturali è cominciare a comprendere quanto le nostre vite e la nostra salute, fisica e mentale, sia in risonanza con questi movimenti cosmici. Introdurre nella propria pratica spirituale giornaliera un momento rituale ad ogni passaggio della Ruota dell’Anno, ti farà assaporare ancora di più ogni momento, ti permetterà di tornare a guardare alla Natura con la giusta attitudine e donerà alla tua vita magia e profondità.

I rituali che ti propongo, volti ad invocare l’energia dell’Equinozio di Primavera, crescita, ringiovanimento, benedizioni, apriranno uno Spazio Sacro nel tuo cuore e nella tua Casa e, grazie a questa apertura, vedrai accadere meraviglie nella tua vita.

Sappi che non ci sono limiti a ciò che puoi chiedere e manifestare durante un Equinozio.

CURIOSITÀ E SIMBOLISMO SU OSTARA

Animale sacro di Ostara è la lepre, simbolo di fertilità. Questo totem era considerato lo “spirito familiare” delle streghe, ma in realtà era un animale sacro in molte tradizioni. In Britannia le lepri erano associate alle divinità lunari e della caccia. Per i celti era considerato un animale divina­torio e traevano presagi dal suo modo di correre. Anche gli anglo-sassoni veneravano la lepre e in onore di Eostre facevano una caccia rituale. Nella tradizione buddista si narra di come una lepre si sacrificasse per nutrire il Buddha affamato, bal­zando nel fuoco. In segno di gratitudine il Buddha impresse l’immagine dell’animale sulla Luna. In Cina la lepre è considera­ta un animale Yin che viene dal Polo Nord, recando il saluto della Dea della Luna. Amuleti di giada verde raffiguranti la lepre sono costruiti e regalati per augurare la buona fortuna. Per i nativi americani, la Grande Lepre è l’eroe dell’alba, creatore e trasformatore, padro­ne dei venti e fratello della neve. Simboleggia la mente veloce che supera la forza fisica con l’astuzia. Per gli antichi Egizi, la lepre era un animale lunare, associato anche all’Est, direzione della Luce. Osiride risorto è simboleg­giato dalla lepre in quanto divinità solare. I Norvegesi rappresentavano le divinità lunari accompagnate da lepri. Sono innumerevoli le divinità associate a questo animale e proprio in questo periodo primaverile, la lepre di Eostre rappresenta il coniglio di pasqua che porta in dono le uova, simbolo di vita e fertilità.

Simbolo di Ostara e della primavera è l’uovo. L’albume rappresenta la natura della Dea, mentre il tuorlo le qualità virili del Dio Sole. Il guscio esterno, invece, lega i due elementi, suggellando la fertilità e il loro amore perfetto e reciproco. Oggi esistono uova di cioccolato e naturali decorate a mano, oltre le numerose ricette in cui si possono utilizzare. L’uovo rappresenta la vita, la creazione e la rinascita. In sé racchiude una doppia nascita, in quanto l’uovo viene deposto per poi schiudersi. Ma simboleggia anche la nascita del mondo da un uovo cosmico, celebrata in molte civiltà durante l’Equinozio. In India si narra che l’Assoluto creò le acque e vi depose un uovo, dal quale nacque Brahma. Egli divise l’uovo a metà formando così la terra e il cielo. In altre tradizioni, l’uovo era deposto dalla Dea, per poi schiudersi al calore del Sole. Anche secondo gli egizi Ra, il dio Sole, nasceva da un uovo. Secondo i greci, la Dea uccello dalle ali nere fu fecondata dal vento del Nord e, fu così, che depose un uovo d’argento. L’uovo era la Luna, dalla quale nacque Eros, dio della vita, che portò luce nel cosmo. Per babilonesi e sumeri, questo uccello era una colomba. Per i druidi tale uovo era di serpente, simbolo dell’eternità. Gli egizi, per esempio, narrano di un serpente primordiale che produsse l’uovo cosmico dalla bocca. Miti greci raffigurano l’uovo circondato da un serpente che si morde la coda, che rappresenta la ciclicità del tempo.

La pianta sacra di Ostara è il trifoglio. Simbolo dell’Irlanda, San Patrizio, evangelizzatore dell’isola, la usava per spiega­re la Trinità cristiana. Secondo alcune tradizioni simboleggiava il triskele, la ruota solare a quattro bracci, mentre la varietà a quattro foglie rappresentava la croce celtica, la ruota solare e il cerchio magico delle quattro direzioni, tutti simboli molto anti­chi.

Quindi, per riassumere:
– Fai progetti e trova nuovi hobbies
– Colora le uova e regalale ai tuoi amici
– Pianta semi e piantine
– Fai attività all’aperto

RITUALI*

Ricordati di chiudere sempre i tuoi rituali con la formula:

Così sia, così sia, così è

 

1

RITUALE DI RINNOVAMENTO E PURIFICAZIONE

The smudging ceremony

Le Pulizie di primavera della Dea

La casa

In primavera prendersi il tempo per ripulire la tua casa energeticamente genererà un flusso di grandi benedizioni per tutti i mesi a seguire.

Inizia facendo ordine in casa. Assicurati di liberare i tuoi armadi, mensole e librerie da vestiti e oggetti vecchi e che non hai usato nell’ultimo anno, regalandoli o buttandoli via.

Mentre ripulisci in questo modo la tua casa, considera anche quali aree della tua vita potrebbero avere bisogno di riordino e di un decluttering. Non c’è differenza! Lascia che il tuo intuito ti guidi: cosa hai veramente bisogno di lasciare andare? Dove c’è ristagno? Dove c’è aria soffocante?

Dopo aver riordinato e fatto decluttering in casa, e aver cominciato a farlo anche dentro di te, accendi la candela sul tuo altare e inizia ad accendere l’incenso che hai scelto per questa Cerimonia: Salvia bianca o palo santo. Passa in ogni stanza, prima con le finestre chiuse, con l’intento di ripulire ogni angolo da qualsiasi energia  stagnante o pesante dell’inverno. Poi apri le finestre per 10 minuti e siediti davanti all’altare per un breve ascolto del respiro.

Purificare se stesse

L’antica pratica dello Smudge, la fumigazione attraverso la bruciatura di erbe speciali, è un modo semplice ma potente per liberare l’energia negativa da qualsiasi spazio e dai tuoi oggetti sacri, come cristalli o gioielli. Può anche essere usato per liberare il corpo, la mente e il cuore danegatività facendo circolare il fumo sacro attorno al tuo corpo prima di portarlo nello spazio attorno a te.

Ecco tre passaggi per la fumigazione.

Alla candela del tuo altare, accendi un’estremità del fascio di salvia o del bastoncino di palo santo, assicurandoti di spegnere delicatamente e in sicurezza la fiamma mantenendo l’estremità accesa.

Spargi il fumo con la piuma su e giù lungo tutto il tuo corpo, davanti e dietro, fino a dove ti è possibile. Passalo poi in ogni direzione per onorare gli spiriti del Nord, Sud, Ovest e Est, i quattro elementi di acqua, terra, fuoco e aria, in alto verso Padre Cielo e in basso verso Madre Terra.

Quando hai finito posa l’incenso ancora caldo o acceso sulla conchiglia di abalone. E non dimenticare di passare la tua piuma un’ultima volta attraverso il fumo sacro per eliminare tutte le energie che ha assorbito prima di riutilizzarlo per la tua prossima cerimonia di fumigazione.

2

IL TUO SPAZIO SACRO

Come creare un altare in onore della primavera

Designare un posto nella tua casa in onore della Dea, del Sacro, della tua vita spirituale, è meravigliosamente facile e incredibilmente efficace. Gli altari fungono da portali per il divino e, quando costruiti, creano spazio per noi per meditare, pregare e focalizzare le nostre energie sulla manifestazione di ciò che vogliamo, avvicinandoci anche ai nostri antenati, alle guide spirituali, ai maestri ascesi o semplicemente a certe vibrazioni che desideri incarnare.

Il bello di creare un altare è che non deve essere troppo elaborato per essere potente.

Ecco come iniziare.

Trova un’area speciale nella tua casa in cui puoi costruire il tuo altare.

Raccogli alcuni semplici oggetti come cristalli ,candele, incensi, oggetti naturali e immagini per te sacre. Puoi aggiungere gioielli per la ricarica e qualsiasi altra cosa che risuoni con te.

Per la primavera, adornerai il tuo altare con i temi della fertilità e della rinascita, del risveglio, quindi i fiori freschi sono l’aggiunta perfetta o anche una giovane, piccola pianta in vaso.

Il cristallo di quarzo citrino he trovi nella nostra Box è perfetto per veicolare nella tua vita il Sole e la Luce che torna, e chiedere chiarezza di visione e nuove energie.

COME “ATTIVARE” IL TUO ALTARE

Fai un’offerta per i tuoi spiriti guida e antenati. Potrebbe essere una piccola ciotola di miele, un pezzo di frutta o un bicchiere d’acqua. Lo scopo è quello di offrire qualcosa dalla natura che abbia un ciclo di vita, che è simbolico dei viaggi dei tuoi antenati e guide sulla terra e della loro trascendenza da questo piano. Se è per una persona cara defunta, può essere una tazza del loro tè preferito o qualcos’altro che li divertiva molto mentre erano qui.

Accendi la candela e l’incenso e passa tutto lo spazio con la fumigazione.

Riempi una ciotola o il tuo Calderone, se ne hai uno, con acqua fresca di sorgente su cui farai galleggiare dei petali di fiori freschi. Spruzzando l’acqua dalla ciotola con le dita disegna un cerchio di protezione attorno al tuo altare e chiedi l’aiuto delle tue guide.

Siediti o danza per almeno 5 minuti in profonda connessione con il tuo corpo, il tuo respiro e madre terra e se vuoi canta il mantra alla Dea più vicino al tuo cuore.

Una volta impostato l’altare, puoi modificare gli elementi su di esso quanto vuoi, soprattutto in risonanza con la Ruota dell’Anno e i movimenti stagionali.

Durante i prossimi tre mesi, ci saranno molti cambiamenti e il tuo altare è un portale ideale per aiutarti a canalizzare l’energia di cui hai bisogno per prosperare e connetterti.

PIANTARE IL SEME DEL TUO INTENTO NELLA TERRA

Chiedi, credi, ricevi

Libro dei rituali

Penna dei rituali

Quarzo citrino

Accendi il tuo altare, con candela e incenso, siediti comoda, disegna il cerchio anche solo mentalmente e fai tre respiri profondi: inspirando dal naso ed espirando dalla bocca.

CHIEDI

Inizia a scrivere nel tuo Libro almeno 21 intenzioni e propositi per questo nuovo INIZIO. Comincia ogni punto con: IO VOGLIO. Enumera ogni intento. Non limitare le tue richieste e non censurarne nessuna. Ad esempio

  1. IO VOGLIO UNA MACCHINA NUOVA, SICURA E BELLA
  2. IO VOGLIO FARE IL GIRO DEL MONDO, ecc

Evita di: usare il NON, chiedere per altri, superare le 14 parole.

Quando hai finito, rileggile ad una ad una lentamente e con attenzione.

Poi, chiudi il Libro e posizionalo sull’altare con sopra il tuo quarzo citrino, amplificatore molto potente e pietra di programmazione, che può essere utilizzato per aiutare a manifestare qualsiasi intenzione o scopo desiderati.

Credi e ricevi.

Mantenere la tua fede non sarà un compito piccolo ed è spesso il passo più difficile del processo di manifestazione. Ma è anche il più gratificante. Attraverso il rafforzamento della tua fede, impari ad arrenderti e a rilassarti nell’apertura.

Per 21 giorni, ritagliati 5 minuti per rileggere con attenzione, amore e contemplazione i tuoi intenti. Se qualcuno si dovesse nel frattempo avverare, inseriscine un altro. Non lasciare mai la griglia dei 21 desideri vuota in nessun punto.

Ripeti spesso, rileggendo il tuo elenco: STO IN COMPLETA FIDUCIA.

______________________

PS

FORMULA iniziale per OGNI rituale di Equinozio di primavera

Accendi le candele e l’incenso e crea il cerchio spargendo petali di fiori freschi.

Invocazione:
“Grande Dea, ti sei liberata dalla gelida morsa dell’inverno. Ora ti sei rivestita di vita, di fragranza. Questo è l’inizio. La vita si rinnova dalla tua magia, Dea della Terra. Il Dio si allunga e si alza, impaziente nella sua giovinezza, e pronto ad esplodere con la promessa dell’estate “.

Tocca i fiori. Connettiti con lea loro energia e, attraverso di essa, a tutta la natura. Viaggia all’interno delle loro colori e del loro profumo attraverso la tua visualizzazione – dal centro della tua coscienza attraverso il braccio e le dita e nella pianta stessa. Esplora la sua natura interiore; percepire i processi miracolosi della vita al lavoro al suo interno.

Dopo un po’, toccando ancora i fiori, afferma:

Cammino sulla terra in amicizia, non in dominio. Sono qui per dare e non per prendere. Madre e Padre, instillate in me attraverso questa pianta un calore per tutti gli esseri viventi. Insegnatemi a venerare la Terra e tutti i suoi tesori. Che io possa sempre ricordare”.

Medita sul cambiamento delle stagioni. Senti il risveglio delle energie intorno a te sulla Terra.

PS

MEDITAZIONI. Siediti al tuo altare e per 5-10 minuti accendilo e onorati.

  1. Accensione del fuoco

Questo è il festival della nuova vita, ora l’inverno è salutato e dietro di noi. La Dea è l’energica fanciulla di primavera e il Dio è giovane e ardente. Ora le cose sono diverse e il mondo è pieno di promesse. La fertilità e la novità sono prodotte dal calore del sole che ritorna e celebro questo nuovo equilibrio in questa meditazione man mano che il sole acquisisce forza ”.

RIPETI
Il fuoco è acceso nel mio cuore al sole che ritorna.
È iniziato un mondo completamente nuovo

  1. The Darkness Passes

Mi assumo la responsabilità per il cambiamento nel mondo e nella mia vita. Anche se so che ci sono segreti che mi impediscono di farlo, ora è il momento di liberare il vecchio e rinnovare il mio impegno per la mio rinascita spirituale.

RIPETI

Lascio andar: paura, colpa, obbligo di rabbia, rimpianto.

Accolgo amore, rispetto, piacere, apertura, abbondanza, respiro.

  1. Incantesimo di fiori

Adorna il tuo altare di fiori e siediti a meditare.

I fiori primaverili appaiono sulla terra dove cammina la dea. Gli animali del campo e del bosco e gli uccelli del cielo si preparano a far nascere le nuove vite. I germogli spingono attraverso la terra: è una nuova crescita, è la schiusa di nuove gemme ”.

Prendi un fiore e rivolgiti verso EST:

“La primavera è aurora. Possa il fresco profumo di nuova vita portare nuova consapevolezza dei bisogni della madre terra. Così sia, così sia così è. ”

Verso sud:

“La primavera è nel ritorno del Padre Sole. Possa esserci un ritorno di gioia e vita nel canto, nella danza e nell’amore. Così sia, così sia così è “.

Verso Ovest:

“La primavera porta il turgore dell’acqua che rigenera. Possa esserci una nuova comprensione e pace sulla terra. Così sia, così sia così è “.

Verso Nord:

“La primavera e terra fertile. Possano i boschi verdi restituirmi la libertà e l’equilibrio della vita naturale. Così sia, così sia così è”.

Rimetti il fiore sull’altare e AFFERMA:

Espiro i vecchi pensieri e respiro il dolce profumo della novità.

No Comments

Leave a reply